La «Vitamina» della lettura fa bene a tutti

Presentata a Bologna la rivista dedicata ai giovanissimi lettori. Con racconti, giochi e fumetti

«Quando lettura fa rima con divertimento», potrebbbe essere lo slogan di «Bologna Children's Book Fair» che ha aperto ieri nel capoluogo emiliano, per quattro giorni paradiso del divertimento dei piccoli e terreno di lettura dei grandi. E tra piccoli lettori ed editori, e grandi gruppi e lettori forti, alla Fiera del libro per ragazzi di Bologna ieri è stata presentata una vera novità per il mondo degli adolescenti: Vitamina , la nuova rivista rivolta al pubblico dei giovanissimi, edizione italiana del celebre J'Aime Lire , il mensile pubblicato in Francia da Bayard Jeunesse e che conta qualcosa come 2,3 milioni di lettori. Con lo scopo di abituare a leggere i bambini più piccoli e far scoprire loro il piacere che si cela dietro la lettura di un racconto o di un fumetto, Vitamina propone racconti, eroi a fumetti, giochi. Nel primo numero, presentato a Bologna (pubblicato dalla Società Europea di Edizioni è in edicola al prezzo-lancio di 2,90 euro) ecco il racconto L'oggetto misterioso , e poi giochi, attualità e i fumetti L'intervallo (con testo e disegni di Nob), Ariol (di Emmanuel Gibert e Marc Boutavant) e Teo Tiraguai . Come dice Lodovica Cima, l'editor che ha curato la nascita di Vitamina in Italia, «le buone letture fanno bene alla vita. Fin da piccoli».