Il cuore dei tifosi vip oggi batterà a mille per il sogno tricolore

«Ma non scherziamo, il 5 maggio è già passato, l’incubo è finito e oggi voglio proprio festeggiare il terzo scudetto consecutivo, anche se non sarò a San Siro per impegni professionali». Così Flavio Oreglio, presidente onorario dell’Inter Club creato dal fratello, esorcizza la partita col Siena, ma per la fattura vera ci pensano due “veri” maghi: il mago Oronzo di Milano e il Mago Forest. «Con la sola imposizione delle mani ho già deciso che l’Inter batterà il Siena», afferma Raul Cremona. Altrettanto deciso Michele Foresta ovvero Mago Forest, recordman di presenze a Zelig: «I ragazzi non sbaglieranno, anche se la stagione è stata pesante e stressante. I toscani dovranno alzare bandiera bianca perché di fronte avranno non solo l’Inter ma anche l’intero stadio colorato di nerazzurro».
«E non finirà a San Siro: dopo lo scudetto voglio anche andare a vincere la coppa Italia proprio a Roma». È ben deciso Enrico Bertolino, il comico che non manca mai allo stadio. «Non inciamperanno nel Siena, la società e noi tifosi teniamo troppo a questo scudetto», precisa il cantante Max Pezzali. «Abbiamo dominato dall’inizio alla fine con un girone d’andata strepitoso. E il ritorno? Un po’ di stanchezza ci può anche stare, ma lo scudetto è lì, basta allungare la mano...».
«Mio padre mi ha insegnato ad amare l’Inter, una squadra diversa dalle altre, dove anche i tifosi sono diversi, ecco perché sono affezionato al nerazzurro. E poi a casa mia esisteva solo l’Inter», la dichiarazione d’amore di Enrico Ruggeri, autore, cantante (è appena uscito il nuovo cd, Rock Show) e conduttore televisivo del Bivio. «Domani sera sarò all’Olimpico come giocatore per la "partita del cuore", ma voglio esserci con lo scudetto in tasca: i ragazzi non mi deluderanno. Anche perché l’arte è interista». «Da bambino impazzivo per Facchetti e Jair, il primo l’eroe buono e il condottiero innovativo, il brasiliano per la sua parte teatrale e il suo modo di sfuggire da tutto», afferma Gioele Dix, pseudonimo di David Ottolenghi, comico, attore e scrittore (è vendutissimo il suo Manuale dell’automobilista incazzato): «Mi vedrò la partita in totale concentrazione e alla fine voglio esplodere di gioia come un vulcano». Stesso concetto del trio Aldo, Giovanni e Giacomo che indosseranno in tribuna la maglia nerazzurra. Un tocco di grazia arriva dalla super medagliata schermitrice Valentina Vezzali e dalla showgirl Elenoire Casalegno. «L’Inter per me è come il Natale, una tradizione di famiglia e mi ricordo che mio nonno si è fatto seppellire con il cappello che gli aveva regalato Helenio Herrera. A Pechino mi porterò anche la maglia nerazzurra con questo scudetto», le parole di Valentina. E poi quelle di Elenoire: «Sono sempre stata un po’ ribelle, per questo sono diventata tifosa interista. Oggi esulterò per lo scudetto e il nostro vivaio ce ne garantirà tanti altri nel futuro».