La cura Marchionne ora si sposta su Cnh

Dopo aver rivoluzionato il Lingotto e Mirafiori, il numero uno Fiat, Sergio Marchionne, ha preso di petto la situazione nel secondo più importante settore del gruppo torinese. Cnh Global, la società leader mopndiale nel campo dei trattori e delle macchine per le costruzioni che ha sede a Chicago, ha annunciato che riorganizzerà la struttura in quattro divisioni: CaseIh e New Holland per quanto riguarda il settore agricoltura e Case e New Holland per le macchine movimento terra. «Questo rappresenta - ha detto Harold Boyanovsky, amministratore delegato di Cnh - una trasformazione aggressiva tesa a rendere ancora più competitivi i nostri marchi nel mondo. Siamo convinti che riorganizzando la società per brand, saremo in grado di aumentare il valore dell’azienda nei confronti dei nostri azionisti. Anche Cnh, come tutte le società del gruppo Fiat, dovrà conseguire una eccellenza competitiva nel prossimo biennio». A capo delle quattro business unit sono stati nominati Mario Ferla (CaseIH agricoltura), Marco Mazzù (New Holland agricoltura), Jim McCullough e Franco Fenoglio sono i responsabili delle macchine per le costruzioni, rispettivamente dei marchi Case e New Holland.