Curcio farà lezione nel «Cox» occupato De Corato: «Ecco i soliti cattivi maestri»

SOCIOLOGO Il centro sociale dedica una giornata al sociologo Lapassade, primo studioso del rap

Centri sociali rioccupati e cultura, ma di quella «tosta». E con tanto di ospiti «illustri» o «maestri», come li definisce qualcuno. Il 67enne Renato Curcio - per un quadriennio, assieme a Margherita Cagol e ad Alberto Franceschini, nel direttorio delle Brigate Rosse, oggi direttore editoriale della cooperativa «Sensibili alle foglie» - interverrà infatti domenica 5 aprile a un convegno dedicato al sociologo ed etnografo francese Georges Lapassade che si terrà al centro sociale Cox 18 di via Conchetta a cui parteciperanno, tra gli altri, il sociologo Piero Fumarola e lo psichiatra Leonardo Montecchi.
L’iniziativa, dal titolo Connaissez-vous Georges Lapassade? (il filosofo e sociologo francese, primo studioso del rap, morto lo scorso luglio ndr) organizzata dal (rioccupato) spazio antagonista di via Conchetta 18, coincide con la discussa iniziativa organizzata dal movimento neofascista Forza Nuova e che vedrà in città (in un luogo al momento non ancora comunicato) la partecipazione del segretario Roberto Fiore e di alcuni esponenti del Bnp (British National Party), del Fn (Front National) e dell’Npd (Nationaldemokratische Partei Deutschlands).
Contro la presenza a Milano di Curcio si scaglia il vicesindaco Riccardo De Corato.
«Dopo aver assistito alle arringhe di Oreste Scalzone in piazza, mentre i centri sociali lanciavano petardi al grido “Nassirya festa nazionale”, paralizzando la città, ora apprendiamo che il fondatore delle Br Renato Curcio sarà ospitato al Cox. Se qualcuno poteva avere ancora dei dubbi, questi ormai sono stati fugati. Perché gratta gratta i centri sociali vanno ad abbeverarsi alla solita fonte dei “cattivi maestri”. E non è un caso che il figlio di Mario Ferrandi, ex di Prima Linea, sia stato fermato a gennaio dalla Polizia per una manifestazione non autorizzata contro lo sgombero del Cox. Chissà - conclude De Corato - se sulla vicenda i radical chic, sempre pronti a indignarsi dai loro felpati salotti, hanno qualcosa da dire. E chissà se qualcuno ricorda che lo stabile del Cox è di proprietà comunale ed è stato rioccupato abusivamente nella notte grazie alla fiamma ossidrica»
L’iniziativa sul celebre intellettuale francese - professore e ricercatore emerito di Etnografia e Scienze dell'Educazione presso l'Università di Parigi VIII, dove ha lavorato e organizzato seminari fino agli ultimi anni della sua esistenza - prenderà il via alle 15.30 e nel corso del convegno saranno presentati i volumi «L’Autobiografo» (Edizioni Besa 2009) e «All’ombra di Georges Lapassade, Testimonianze e aneddoti dal Salento», a cura di Guglielmo Zappatore (Sensibili alle foglie, 2009).