La Curia: «Altro che Expo in città ci sono le favelas»

«Favelas in città». L’accusa arriva dalla Curia, che nel suo settimanale on line, Incrocinews, denuncia «drammatiche condizioni di vita per migliaia di disperati che vivono vicino alle nostre case». Un contrasto che diventa ancora più stridente in vista del 2015. «La città che tra sette anni ospiterà l’Expo e sarà sotto i riflettori di tutto il mondo registra molte zone da Terzo mondo». Le mappe della sofferenza toccano soprattutto i luoghi della periferia cittadina e sono campi nomadi abusivi, aree dismesse, case occupate, baracche. (...)