La curiosità Forse fuori corso in tempi brevi i francobolli emessi dal Vaticano in lire

Resterano ancora postalmente validi i vecchi francobolli vaticani denominati in lire? La questione sarà ripresa in esame dalle autorità d’oltre Tevere. A dichiararlo è stato il responsabile dell’Ufficio Filatelico e Numismatico della Città del Vaticano, Pier Paolo Francini, nel corso di una seminario sul tema «Quale futuro per la filatelia?». Attualmente hanno validità postale permanente praticamente tutte le emissioni vaticane successive al 1963. Questa misura, decisa prima dell’introduzione dell’euro, aveva come scopo anche quello di favorire lo smaltimento di grossi quantitativi di francobolli vaticani accumulati dal pubblico durante il cosiddetto «boom filatelico» degli anni sessanta. Un periodo durante il quale i francobolli vaticani venivano acquistati a fogli interi, spingendo le autorità postali dell’epoca a tirature di milioni di esemplari. Quando scattò il passaggio all’Euro il Vaticano, in linea con l’Italia, confermò ulteriormente la validità postale dei francobolli in lire. Ma oggi l’ormai bassissimo valore nominale dei francobolli in lire ne rende difficoltoso l’utilizzo: nessuna decisione è stata presa ma - ha spiegato Francini - stiamo considerando l’opportunità di proseguire o meno su questa strada.
Durante i lavori del seminario, aperto dal presidente del Governatorato della Città del Vaticano, cardinale Giovanni Lajolo, e nel quale è intervenuto anche il sottosegretario della Presidenza del Consiglio Carlo Giovanardi (in qualità - ha specificato - di appassionato di filatelia), sono state preannunciate altre novità per la filatelia vaticana. Ad esempio, i punti vendita di carte valori dell’Ufficio Filatelico passeranno da fine novembre da 2 a 3: un nuovo punto vendita sarà infatti aperto in un edificio extraterritoriale ma situato in territorio italiano, in piazza Pio XII, situata poco prima di piazza San Pietro «L’anno prossimo - ha ancora rilevato Francini - si commemoreranno gli 80 anni dello Stato della Città del Vaticano: oltre ad una sezione filatelica e numismatica nell’ambito della mostra celebrativa che sarà aperta nel 2009, è prevista la riedizione del catalogo delle carte valori vaticane».