Custodi sociosanitari per oltre 2000 anziani nelle province liguri

Saranno circa 2000 gli anziani in tutta la regione Liguria che verranno seguiti dai custodi socio sanitari nell'ambito del programma emergenza estiva per la terza età varato dalla Giunta regionale. Di questi 2000 ultrasettantancinquenni, con almeno un episodio di ricovero ospedaliero nell'anno in corso o precedente, 550 si trovano a Genova e sono già stati segnalati dai medici di medicina generale ai servizi delle ASL e ai distretti socio-sanitari per essere seguiti soprattutto durante il periodo dell'emergenza caldo.
Centoventisei custodi distribuiti su tutto il territorio regionale provvederanno a tenerli sotto osservazione, con visite settimanali per un totale di 3 ore e mezza a settimana per anziano e quasi 65.000 ore totali di assistenza fino alla fine dell'anno. Gli ultimi particolari del programma emergenza estiva per la terza età verranno definiti nel corso di incontri che si svolgeranno presso le 5 ASL territoriali liguri e che si concluderanno giovedì pomeriggio.
Sarà un'associazione temporanea di impresa del terzo settore, a fornire i custodi socio-sanitari e ad occuparsi del call center già attivo dal 1 luglio dalle 8 alle 20. I custodi socio-sanitari saranno assegnati in misura proporzionale a ciascun distretto in relazione alla popolazione ultra 75 enne. Ogni custode avrà assegnato un certo numero di anziani da seguire con visite e piccole incombenze legate alla quotidianità quali la spesa e commissioni varie. Il finanziamento stanziato dalla Regione per il programma estate anziani ammonta a 1.695.000,00 euro che serviranno a coprire il costo dei custodi socio-sanitari e del call center.
Ammonta a 207.373 la popolazione ultra 75 enne residente in Liguria.