La «Customania» è un’esplosione di colore

da New York

È di Tremp, circa duecento chilometri da Barcellona. «Un paese che nessuno ha mai sentito nominare», dice. Vero. In compenso Custodio Dalmau e suo fratello David hanno riempito il mondo con milioni e milioni di magliette targate Custo Barcelona, 14 mila tipi di T-shirt vendute come l’acqua minerale.
Questo catalano doc, faccia da attore di film western, modi da baronetto, è riuscito a creare un fenomeno globale battezzato dai media statunitensi «Customania». Al punto che sono gli organizzatori americani stessi a invitarlo alla settimana della moda newyorkese già nell’edizione primavera estate del 1997. «C’era un minimalismo imperante che aveva tinto di grigio le passerelle, noi siamo arrivati con un’esplosione di colore». Successo assicurato, quindi. E quella è da sempre la filosofia di Custo: colore che è sinonimo di spensieratezza, gioia, creatività. «Sono convinto che nella mia moda porto il mio modo di vivere, il mio stile di vita. La Spagna, la sua storia, sono parte integrante. In più il mio paese in breve tempo ha fatto passi giganteschi diventando un paese da imitare». La collezione ormai spazia in un total look. Il concetto è la contemporaneità. «Il passato non si guarda». Ne escono capi eclatanti, un assemblaggio di tessuti, di tinte. Ancora una volta un modo per distinguersi.\