Cypress Hill, Public enemy e House of Pain: il rap è di casa a Milano

Un evento più unico che raro: il 12 luglio, all'arena Civica di Milano, protagonisti sul palco tre grandissimi gruppi che hanno fatto la storia del West Coast rap, i Cypress Hill, e dell'East Coast, i Public Enemy. I terzi sono gli House Of Pain che hanno invece rappresentato la perfetta commistione tra rock e rap. Insieme a loro, il romano Noyz Narcos, scelto per questa data proprio per la sua capacità di incidere sulla scena attuale con tutta la carica hardcore, truce, di puro rap metropolitano.
I Cypress Hill sono stati i primi artisti latini in ambito hip hop a raggiungere un clamoroso successo, grazie a tematiche a metà strada tra racconti e immaginario da sobborgo metropolitano: quello di South Gate, California, zona di Los Angeles dove gli scontri tra band, soprattutto Bloods, Crips e gruppi messicani, raggiunsero il loro apice durante i primi '90. Lo stile è il funk proprio del west coast hip hop, unito a venature rock e latine (merito del produttore Bobo). Il tutto, rappato dalla potente voce nasale di B-Real e del socio di sempre Sen Dog con testi in spanglish (inglese e spagnolo), tenuto insieme dalla sapienza sui giradischi di Dj Muggs.
Questa è la formula che ha fatto dei «Cipressi» la colonna portante della generazione latina negli ultimi tre lustri, durante i quali hanno dato alle stampe otto dischi (alcuni usciti con doppia lingua), vendendo milioni di copie e affermandosi come gruppo di riferimento per la scena musicale americana non solo in ambito rap ma anche rock. Basta dare un occhio alle partecipazioni sul loro ultimo disco «Rise Up» (2010) dove figurano Everlast, Daron Malakian (System Of A Down) e Tom Morello.
Recentemente B-Real (40 anni quest'anno) ha dichiarato: «Ci prendiamo il nostro tempo anche per progetti paralleli, per nuove collaborazioni, farò uscire nuovi mixtape da solista ma la cosa più importante rimane la vita insieme ai miei compagni Cypress Hill»
I Public Enemy sono la storia del rap fin dagli anni 80. Hanno saputo unire l'eredità della militanza nera delle Black Panther alle storie del ghetto e della metropoli. Un gruppo che si è sempre posto come portavoce musicale dei più deboli, unendo il beat, il vinile e i microfoni alla lotta contro le ingiustizie. I Pe furono la prima formazione rap a essere censurata e controllata dall'Fbi, soprattutto dopo il disco «It takes a nation of millions to hold us back», vero e proprio manifesto nero dell'antagonismo verso il sistema. Questo album, insieme al debutto «Yo! Bum rush the show» e a «Fear of a Black Planet» (di cui in questo 2011 ricorre il 20nnale) è stato il massimo della produzione dei Public Enemy, con la Bomb Squad (il team di producer) insieme all'irrequieto Flavor Flav (con il suo gigantesco orologio che segna il tempo della rivoluzione) e soprattutto al sempre ispirato Chuck D, mc, autore, produttore, attivista e vero talento dell'arte dei giorni nostri.
E poi spazio agli House Of Pain: tornati con una reunion a sorpresa lo scorso anno, celebrano il successo di una hit senza tempo come «Jump Around» (un vero e proprio crossover tra rap e rock) che ha portato i rapper Everlast e Danny Boy, insieme al producer Dj Lethal, a essere artisti quotatissimi nei primi anni '90, con tre album all'attivo, prima dello scioglimento nel 1997, e le conseguenti carriere soliste di ogni membro del gruppo. Oggi sono tornati con il loro rock/rap senza tempo e capostipite (vedere Limp Bizkit che, guarda caso, coverizzano Jump Around a ogni loro concerto) per una intera generazione di rockers.
Ad aprire questa memorabile giornata, l'unico italiano on stage: Noyz Narcos si esibirà davanti al pubblico milanese presentando estratti dai suoi tanti lavori. Il rapper romano è l'artista italiano underground più mainstream che possa esserci, pur rimanendo estremo. L'aspetto hardcore, il suo essere radicale in ogni canzone e strofa è la chiave per farsi apprezzare da un pubblico molto ampio e trasversale. Un vero animale da palcoscenico che suonerà in compagnia del fidatissimo compagno di strada Duke Montana.
In definitiva, quello del 12 Luglio sarà un grandissimo evento hip hop, mai visto in Italia fino ad oggi: tre formazioni rap che hanno fatto la storia del gioco dagli anni '80 ad oggi, insieme sullo stesso palco. Un live che entrerà sicuramente nel novero dei concerti memorabili in Italia. Amanti dell'hip hop e del groove, segnatevi questa data: 12 luglio 2011.