La D’Abbraccio incontra Clitemnestra

Danza, musica e teatro per riportare sulla scena in un nuovo adattamento uno dei testi più originali che Marguerite Yourcenar ha dedicato all’universo del Mito

È di scena il mito a Villa Pamphilj. La rassegna «I concerti nel parco» propone questa sera lo spettacolo Clitemnestra (ovvero del crimine e degli affetti), tratto dal testo che Marguerite Yourcenar dedicò proprio alla moglie e carnefice di Agamennone.
Protagonista della pièce teatrale sarà Mariangela D’Abbraccio, impegnata accanto alla Compagnia Vocale Lorenzo Da Ponte e alla MdA Produzioni Danza di Aurelio Gatti che firma anche le coreografie. La regia è a firma di Riccardo Martinini, autore, inoltre, dell’adattamento delle musiche di Claudio Monteverdi, Jannis Xenakis, della tradizione popolare attica e mediterranea.
La drammatizzazione del testo proposta in questo spettacolo, attraverso gli strumenti espressivi per eccellenza della parola, della musica, della danza, opera una modernizzazione del passato indicata dall’autrice per rappresentare il devastante sentimento della vendetta per amore.
E questo fil rouge passionale che attraversa il passato fino al presente, dipanando un unico affresco attraverso le parole e i gesti potenti e tragici della Clitemnestra della Yourcenar, trova sostegno nelle note straordinariamente evocative di Monteverdi (in uno dei suoi capolavori come Il ballo delle Ingrate), nelle sonorità contemporanee del musicista greco Yannis Xenakis, nei canti arcaici della Grecia e della Cappadocia.
E il linguaggio del corpo, centrale nell’espressione delle dinamiche degli affetti estremi, si esprime attraverso la splendida coreografia di Aurelio Gatti .
«I concerti nel Parco», via di San Pancrazio 10. Inizio spettacolo ore 21.30. Costo del biglietto: poltronissime 20 euro, I settore 15 euro, II settore 10 euro. Info: 06.5816987.