D’Alema approva Massimo in chiave Kgb

Forse l’affetto dei tanti amici che gli si sono stretti accanto per festeggiarlo. O forse la vittoria conquistata nella regata «Roma per tutti». Fatto sta che Massimo D’Alema (nella foto a sinistra) ha molto apprezzato il regalo speciale architettato dagli ex compagni della Fgci, il video modello Kgb proiettato venerdì sera a Roma alla Casa del Jazz, durante la festa organizzata per lui da Livia Turco (nella foto a destra in maschera). Un autentico finto filmato del Kgb, realizzato da Gregorio Paolini, che ha ripercorso la carriera politica del líder Massimo, con tanto di voce narrante russa, e sottotitoli in cirillico con traduzione in italiano. Anche gli ex compagni, tutti rigorosamente mascherati da Groucho Marx, hanno dato il loro contributo. «Mi sono divertito - ha detto D’Alema - davvero simpatico e poi si vede che è stato fatto da una mano professionale. Eravamo un bel gruppo, e infatti devo dire che sono venuti tutti alla festa, e mi ha fatto molto piacere». Tra i passaggi ricostruiti anche l’esperienza del settimanale «La città futura» con tanto di foto-documento con «il rinnegato» - parola di documentario del Kgb - .