D’Alema fa la guerra all’11 settembre

È sbagliato procedere con gli eserciti nella guerra al terrorismo, visto che «ciò finisce per favorire proprio il terrorismo». E soprattutto l’attacco alle Twin Towers dell’11 settembre «non configurava un atto di guerra» perché la guerra «prevede che si affrontino Stati ed eserciti...». L’uscita di Massimo D’Alema ha lasciato a bocca aperta la platea durante la presentazione di un libro a cui ha partecipato il ministro degli Esteri. E sul fronte delle polemiche sul Medio Oriente si registra la presa di posizione di Piero Fassino contro l’alleato Diliberto: «Non può far finta di non sapere che il corteo di Roma fosse anti Israele».