D’Alema, Fassino, la Serravalle e il teste che non può più parlare

L’imprenditore Marcellino Gavio doveva onorare un impegno preso con D’Alema e con Fassino (nella foto). Per questo motivo avrebbe venduto le azioni della Serravalle alla provincia di Milano guidata da Filippo Penati. È il Sole24 ore a parlare dell’accordo tra Gavio e i due big del Pd. Al centro dell’articolo del quotidiano, la frase pronunciata dall’imprenditore, durante un incontro con Giorgio Goggi, allora assessore alla Mobilità del Comune di Milano: «Mi sono impegnato con Fassino e D'Alema» avrebbe detto Gavio, in riferimento alla vendita del 15% delle azioni della società autostradale. La frase è stata riportata nero su bianco dallo stesso Goggi, in una lettera che Albertini ha consegnato alla Procura di Milano. La reazione di Fassino e D’Alema non si è fatta attendere: entrambi smentiscono la ricostruzione e affermano di non conoscere Goggi né di aver mai avuto incontri con Gavio. Purtroppo, l’imprenditore piemontese è scomparso nel 2009, e non può confermare né smentire la versione dei due. Un vero peccato, no?