D’Alema l’europeo

A Massimo D’Alema è arrivato l’«ambitissimo» premio Europeo dell’anno. Il ministro degli Esteri è in buona compagnia. La «rivelazione politica dell’anno» è un giornalista ambientalista, tale Nicolas Hulot. Mentre il presidente Jacques Chirac è stato insignito del titolo di «personalità politica dell’anno». Sarkozy e Royal? Non pervenuti. Certo, D’Alema e Chirac sono plus important. I maligni osservano che però i due esponenti premiati hanno qualcosa in comune: un mandato in scadenza, difficilmente rinnovabile. E che il premio ha l’aria di un riconoscimento alla carriera.