D’Alema: «Non voglio Berlusconi a Ballarò»

Massimo D'Alema ha risposto con un gelido no alla richiesta di Silvio Berlusconi di partecipare alla trasmissione Ballarò al posto di Ferdinando Adornato. Il presidente della Camera Casini e Emma Bonino erano pronti al confronto, ma il presidente dei ds è stato irremovibile. Perchè, spiega, l’obiettivo del premier era quello di confrontarsi con lui proprio nella sera in cui il Professore era ospite di Porta a Porta così da poterne delegittimare la leadership. Ieri il premier è tornato ad attaccare le leggi su misura fatte dalla sinistra: «Nell’89 ha approvato un’amnistia per ripulirsi le mani dai soldi presi dall’Urss».