D’Alema stuzzica Alessandra: «I Mussolini, famiglia perpetua»

Siparietto da commedia all’italiana nei corridoi di Montecitorio. Alessandra Mussolini (nella foto) incontra Massimo D’Alema e parte lo show. La nipotina del Duce chiedeva sostegno per le proposte di legge bipartisan sull’attribuzione del doppio cognome e, quando incrocia l’ex ministro degli Esteri mentre sta lasciando la sala gli si avvicina. Ha appena finito di illustrare le sue proposte di legge e in quella stessa aula D’Alema sta attendendo il suo turno per presentare i «quaderni» della sua fondazione. Quando lo vede gliela butta là: «Massimo, tu sosterrai l’iniziativa del doppio cognome, vero?», esordisce Alessandra sicura di incassare un sì. «Mi sembra il modo migliore per garantire la continuità della famiglia Mussolini» scherza ironico lui di rimando. Poi entra in aula, Alessandra tira dritto.