D’Elia e il suo Cirano al Libero

Viviana Persiani

Per la rassegna «Vapori zerosei», alla Fabbrica del Vapore, il 13 debutterà Elogio della Solitudine di Renata Ciaravino, Ugo Cornia e Silvia Gallerano, cronaca di anni molto faticosi ma belli; il 17, invece, è previsto Eros, un incontro poetico e assaggi enologici mentre il 19 marzo con Opera notte Renata Ciaravino, diretta da Valeria Talenti, darà vita a una macrovisione romantica della notte.
Martedì, al Teatro Ciak, Claudio Batta sarà il protagonista di Adesso Batta; scritto a più mani dallo stesso comico in collaborazione, tra gli altri, con Alessandro Benevenuti che cura anche la regia, il lavoro presenta la tragicomica giornata di un artista non proprio baciato dalla fortuna.
Il 14, al Crt Salone, prima di Ghiaccio, spettacolo che racconta la leggendaria spedizione di Shackleton al Polo Sud; un viaggio in un seminferno bianco circondato da un gigantesco interminabile puzzle di ghiaccio e abitato da una natura impossibile e dai demoni della depressione.
Sempre domani, al Teatro Strehler, Paolo Rossi, con Chiamatemi Kowalski. Il ritorno, accompagnato dalla cantante Syria, racconta storie nuove recuperando i migliori brani della vecchia edizione dello spettacolo.
Al Teatro Filodrammatici, da martedì, prende vita I Segreti di Milano Diario anni ’70; la messinscena, diretta da Corrado Accordino, offre storie e racconti della Milano della rivoluzione, quella con le piazze affumicate e vissuta da una gioventù tormentata.
È asciuto pazzo 'o padrone, in scena dal 14 al Teatro alle Colonne, rende omaggio alla poesia di Napoli. Sotto la regia di Fabrizio Di Stante, lo spettacolo evoca i versi dei maggiori poeti napoletani del Novecento e non solo.
Domani, al Verdi, va in scena Cassandra, da Christa Wolf, regia di Maurizio Schmidt.
Dal 15, al Libero, gli amanti del capolavoro di Rostand potranno gustarsi il Cirano di Bergerac nella versione diretta da Corrado d'Elia.
Giovedì, al Greco, prima di Camille Claudel. Il suo genio. La sua condanna, interpretato e diretto da Manuela Tadini, storia di una donna eccezionale, dotata di talento e di creatività.
Six in the City con Rosanna Carretto è lo spettacolo che debutterà giovedì al Teatro Blu.
Nell’ambito della rassegna Interculturale Voci dai quartieri del mondo, venerdì, al Teatro Officina, in prima nazionale, Alessandra Faiella sarà protagonista di Il Burqa e la velina - Il disagio femminile fra Oriente e Occidente, spettacolo documento sulla condizione femminile nel mondo costruito attraverso documenti spesso inediti, letture, racconti di donne reali che hanno narrato la loro storia.
Il 18, al Teatro Alfredo Chiesa debutta I Blues di Tennessee Williams, progetto e regìa di Danilo Ghezzi.
Sempre sabato, all’Arsenale, prima di La tragica storia del dottor Semmelweis, adattamento e regia di Marina Spreafico; è la storia del medico ungherese dell’Ottocento debellatore dell’infezione puerperale che allora mieteva migliaia di vittime.