Dacia ancora più «low cost» grazie agli incentivi sul Gpl

ParigiSe in tempi di crisi molti costruttori tirano i remi in barca, o meglio rimandano a quando la buriana sarà passata allargamenti di gamma o presentazione di nuovi modelli, la Dacia invece approfitta dell’occasione per mettersi in mostra. Paradossi a parte, il marchio romeno di casa Renault dà grande risalto a quanto può permettersi di fare nella scia impressa dalla filosofia low-cost che permea, sin dalla rinascita operata dal gruppo francese qualche anno fa, la sua attività. In questi tempi, oltre a preannunciare una concept-car per il prossimo salone di Ginevra e a prospettare l’arrivo anche in Europa (dal Sud America) della Stepway, che ammicca al mondo dei Suv pur essendo a sole due ruote motrici, amplia quindi l’offerta con un’inedita proposta della Sandero e le Logan Furgovan e Pick-Up.
Queste ultime, che proiettano il marchio nel settore dei veicoli commerciali leggeri, offrono una portata di 800 kg e una volumetria utile di 2,5 metri cubi nel caso della Furgovan. Disponibili con un motore di 1,6 litri a benzina da 90 cv e un turbodiesel di 1.5 litri da 70 cv, sono proposte entrambe a 7.890 euro più tasse nel primo caso e a 8.990 euro - sempre più Iva - nel secondo. Prezzi assai allettanti ma, grazie agli effetti degli incentivi statali per le vetture a basso impatto ambientale e per chi rottama vetture pre-Euro 2, lo sono altrettanto - se non di più - quelli della famiglia Sandero (nella foto). La berlina a due volumi con cinque porte, che offre una buona funzionalità e sfodera un dinamismo apprezzabile per affidabilità e comfort, è infatti disponibile in una nuova versione a benzina spinta da un motore di 1.2 litri a 16 valvole con 75 cv - ovviamente, by Renault - con prezzi che partono da 7.350 euro. La nuova versione ha una potenza simile e offre prestazioni allineate a quella della più grossa 1.4 ma, pur non vantando un temperamento molto vivace, mette in campo non solo percorrenze che si attestano a 16,9 chilometri con un litro, ma anche emissioni di CO2 inferiori a 140 g/km. Ciò significa che, nel caso si possa approfittare delle agevolazioni governative, è acquistabile a prezzi che partono da 5.850 euro. E ora sono altrettanto low-cost i prezzi delle Sandero a Gpl già in commercio da qualche tempo che, grazie agli effetti degli incentivi previsti per le vetture bi-fuel cumulabili con quelli per la rottamazione, possono partire da 6.050 euro.