Dacia, in un mese vendute 1.000 Logan Mcv

da Fasano (Bari)

Prima di parlare della nuova Logan Mcv, ricordiamo che Dacia è un marchio rumeno del gruppo Renault, nota per aver immesso sui mercati il progetto Logan, che nella mente del management francese deve rappresentare una svolta nell’offerta low cost.
Dopo la berlina ecco, dunque, la Logan Mcv (Multi convivial vehicle): progettata sulla piattaforma B (la stessa di Clio e Modus), è una sorta di Kangoo, lunga quasi 4 metri e mezzo, più spaziosa, comoda e con una buona capacità di carico, fino a 2.350 litri. Pratico e funzionale il portellone a doppio battente. Confortevoli e sicuri sono gli interni, con la solita e spartana plancia monoblocco e monocolore. I sedili sono a prova di adulti fino a un metro e 90 di altezza e la terza fila, pesante solo 16 kg, può essere facilmente rimossa in blocco e custodita in garage. Ruote da 15 pollici, freni con ripartitore elettronico e Abs Bosch 8.0. Quattro i motori, tutti Renault naturalmente: l’1.4 da 75 cv e l’1.6 (8v da 90 cv e 16v da 105 cv) a benzina, l’1.5 turbo common-rail da 70 cv a gasolio, capace di una percorrenza non-stop di quasi mille km. Il comportamento su strada e autostrada, da Bari a Fasano, Selva di Fasano e Palese, ha finito per sorprendere anche coloro che, forse, si aspettavano meno da una vettura come la Mcv, costruita da Renault in un impianto «delocalizzato». I prezzi, a seconda di cilindrata e potenza, dei tre livelli di equipaggiamento (Logan, Ambiance e Lauréate) e dei posti (5 o 7), sono compresi tra gli 8.950 e i 12.850 euro. Introdotta sul mercato il 19 gennaio scorso, Dacia Logan Mcv è stata accolta bene dal pubblico, raggiungendo quota mille vetture vendute in meno di un mese.
Positivo, intanto, è l’impatto della vettura adatta alle famiglie. Sul mercato dal 19 gennaio, in meno di un mese la Dacia Logan Mcv ha già superato il migliaio di unità vendute.