Dagli autonomi rabbia e insulti contro Letizia

Il sindaco di Milano, Letizia Moratti, ieri sera si stava confrontando con il primo cittadino di Torino, Sergio Chiamparino, quando una ventina di dimostranti l’hanno contestata con slogan, insulti e uno striscione. Al centro della protesta avvenuta alla festa del Partito democratico, l’apertura del centro neofascista di «Cuore nero», nel quartiere Certosa-Garegnano contro il quale è stato anche organizzato un presidio previsto a Milano domani. I dimostranti hanno mostrato uno striscione con su scritto «Non c’è futuro senza memoria. Con i papi alla sfilata e sabato la birra con il camerata». Subito sono stati fermati e per precauzione sono stati schierati anche una decina di poliziotti in tenuta antisommossa che, comunque, non sono dovuti intervenire. I contestatori sono autonomi dei centri sociali.