Dagospia «Bunga Bunga? La discoteca del Cav»

Bunga Bunga? Oltre alle battute sulla barzelletta che fa riferimento agli africani, secondo Dagospia ne esisterebbe un altro, che dovrebbe spiegare il perché girava quel modo di dire. A svelarlo al sito gossipparo sarebbe stata una ragazza che avrebbe partecipato ad alcuni festini. La fonte è anonima , non ci sono prove. «Il Bunga Bunga - si legge - è l’insegna di una discoteca. Costruita scavando sotto Villa San Martino (residenza del Cav, ndr)» dove talvolta si tengono spettacoli in cui «a salire sul palco, sulle ali di qualche pezzo di Lady Gaga, sono cinque o sei ragazze completamente vestite da uomo e con una maschera che ha i connotati di presidenti stranieri».