Dai giornalisti ai finanzieri doppia bacchettata a Visco

Giornata da dimenticare per il viceministro dell’Economia Vincenzo Visco (nella foto). Ad attaccarlo il presidente dell’Ordine dei giornalisti Lorenzo Del Boca e il presidente della Federazione nazionale della stampa Franco Siddi: Visco è finito nell’occhio del ciclone per essersi rifiutato di rilasciare dichiarazioni a due cronisti de Il Secolo XIX definiti «antipatici» e per non aver impedito alle sue guardie del corpo di spintonare un operatore Mediaset durante la sua visita di giovedì a Genova. I giornalisti accusano Visco di «arroganza intollerabile». Altro attacco dal Cobar della Guardia di finanza in Lombardia. Il viceministro, per giustificare i suoi tentativi di rimuovere i vertici lombardi delle Fiamme Gialle, aveva parlato di «Comandi non adeguatamente efficienti». La rappresentanza sindacale non ci sta: «I reparti non meritano questo pesante giudizio». Infine, nel pomeriggio, Visco è rimasto intrappolato nella sede del ministero delle Finanze a Piazza Mastai per colpa di un black out all’ingresso elettronico. Nonostante i tentativi di riparare il guasto, la sua auto è rimasta bloccata per quasi mezz’ora.