Dai grandi velivoli di linea ai jet regionali

Per Alenia Aeronautica, la società di Finmeccanica impegnata nel campo aeronautico, militare e civile, questi anni sono caratterizzati da una formidabile crescita, tanto è vero che la società prevede di sfiorare i 4 miliardi di ricavi nel 2010, raddoppiando i risultati in appena 4 anni. In particolare nel settore civile una serie di scelte coraggiose, sostenute da significativi investimenti in ricerca e sviluppo, stanno portando Alenia Aeronautica a essere presente, con partecipazioni tecnologicamente pregiate, nella gamma di velivoli commerciali, partendo dai grandi aerei di linea per passare ai jet regionali e infine ai velivoli regionali con propulsione turboelica. Il programma più impegnativo riguarda lo sviluppo e la produzione del B787, il nuovo bireattore a lungo raggio di Boeing. Alenia Aeronautica potrà investire fino a 1,5 miliardi in questo programma ed è responsabile per sviluppo e produzione del 14% della cellula dell’aereo. Gli elementi strutturali, in materiali compositi, prodotti in Puglia, vengono spediti a Charleston (Sud Carolina), dove sono assemblati con altre componenti presso gli stabilimenti di Global Aeronautica, una società paritetica di Alenia e Boeing. Le sezioni allestite vengono poi inviate ad Everett, Washington per l’assemblaggio finale. Il programma ha subito una serie di ritardi sulla tabella di marcia iniziale, ma questo non ha ostacolato il suo successo: gli ordini hanno superato quota 950 nonostante l’aereo debba ancora compiere il primo volo, previsto entro fine anno. E il ritmo di produzione iniziale, 2 velivoli al mese, è destinato a crescere rapidamente per soddisfare le richieste dei clienti. Alenia vanta una collaborazione consolidata con Boeing ed è coinvolta anche nella produzione del B767 ed del B777.
Al contempo Alenia prende parte anche a diversi programmi di Airbus: ha infatti una quota del 5% nella realizzazione della cellula del colossale A380 e realizza elementi di A321, A330 e A340. È poi possibile che Alenia partecipi anche allo sviluppo e produzione del nuovo bireattore europeo, l’A350Xwb. Nel campo dei velivoli regionali, Alenia Aeronautica sta acquisendo una quota di oltre il 25%, nella Scac, società civile del colosso russo Sukhoi, che le consente un ruolo cruciale alla realizzazione del nuovo jet regionale Superjet 100, di cui curerà anche la certificazione in occidente, la commercializzazione e il supporto in molti mercati. Alenia ha poi una quota del 50% in Atr, la società che realizza l’omonima famiglia di aerei regionali turboelica.