D'Alema al vetriolo: "Renzi nel tempo libero lancia idee"

Affondo contro il leader dei "rottamatori": "Renzi innanzitutto è il futuro di Firenze, una delle città più importanti del mondo. Dopodichè, legittimamente, nel tempo
libero che ha lancia delle idee". Poi: "Ci riconosciamo tutti nel lavoro che sta facendo  Bersani e cerchiamo di aiutarlo"

Roma - Matteo Renzi il futuro del Pd? "Renzi innanzitutto è il futuro di Firenze, una delle città più importanti del mondo. Dopodichè, legittimamente, nel tempo libero che ha lancia delle idee". Massimo D’Alema, in una intervista a Sky Tg24, lancia un affondo al leader dei cosidetti "rottamatori" e non teme che il sindaco possa scalzarlo nel Pd: "Io non ho posti, se non alla fondazione culturale che ho fondato io insieme a Giuliano Amato e difficilmente - risponde, scherzando - Renzi potrebbe venire qui a prendermi questo posto. È un luogo di cultura, dove si parla di libri, uno non se la può cavare con delle battute. Ma lo invito volentieri, non c’è nessun catenaccio nei suoi confronti".

Parlando più in generale dei giovani nel Pd, D’Alema ha detto che "il rinnovamento lo devono fare i giovani" e quindi "non troveranno mai in me una resistenza, semmai uno con cui bisogna discutere e prepararsi per discutere. Ce ne sono già tanti che stanno assumendo responsabilità di primo piano". Riguardo al Partito democratico, D’Alema ha detto che "è importante che svolga con spirito unitario la sua missione, in questo momento di profonda crisi del Paese ci vuole un grande partito unito, che non offra lo spettacolo delle sue divisioni e che svolga il suo ruolo di garanzia democratica". "Credo che lo stiamo facendo, al di là di discussioni terminologiche - ha aggiunto - facendo riferimento alla "vocazione maggioritaria" di cui ha parlato Veltroni e sulla quale attende "chiarimenti sul concetto". "Ci riconosciamo tutti nel lavoro che sta facendo il segretario del partito Bersani- ha proseguito D’Alema - e cerchiamo di aiutarlo".