Daley, il bambino d’oro con il tuffo nel cuore

Storia di un predestinato che preferisce il brivido alla playstation: a soli 13 anni ha vinto il titolo dai 10 metri e ora punta alle Olimpiadi

Thomas Daley ha solo 13 anni, ma non li dimostra. I ragazzini della sua età amano passare pomeriggi interi immersi tra playstation e computer; alla meglio, c’è sempre il campetto dietro casa dove tirare quattro calci al pallone. Lui no. A lui piace salire in cima a una piattaforma di dieci metri, prendere un bel respiro e tuffarsi. E vincere.
Thomas Daley ha solo 13 anni, ma quando si infila il costume e sale sulla piattaforma sembra dimenticarselo. Dietro a quei capelli a spazzola, che ama «tirare su» ogni volta che emerge dall’acqua, e il viso pulito di un adolescente si nasconde un campione. Per ora, un campione europeo: tra qualche mese, chissà. Pechino è alle porte è il sogno a cinque cerchi è dietro l’angolo. Certo la tensione olimpica può annientare chiunque, soprattutto in uno sport dove in pochi istanti ci si gioca mesi, se non anni, di preparazione. Ma Thomas Daley sa trasformarsi: quando i suoi occhi scrutano l’orizzonte prima di un volo lungo dieci metri e un tuffo in acqua a oltre 50 chilometri all’ora, lo sguardo è quello di un campione navigato che sa come non farsi stritolare dalla tensione. Perché è in questi momenti, quando serve la perfezione in ogni singolo gesto, che il campionissimo dimostra il suo essere superlativo. E Thomas Daley, in questo, non è per nulla un quattordicenne, anzi.
A Pechino, durante le qualificazioni olimpiche dello scorso febbraio, Thomas dopo i primi cinque tuffi era solamente decimo (passavano i primi otto): serviva un tuffo perfetto. Daley tirò fuori il secondo miglior tuffo dell’intera gara e chiuse al settimo posto con in tasca il biglietto per l’Olimpiade. Ancora un esempio: Manchester, lo scorso gennaio. In palio c’è il British Diving Championship, il campionato nazionale inglese. In gara Thomas fatica a imprimere il giusto ritmo ai suoi tuffi: Pete Waterfield - già medaglia d’argento ad Atene 2004 - sembra imprendibile. Poi in Thomas scatta qualcosa: infila una serie di tuffi incredibili che lo portano a ridosso della vetta. Si decide tutto all’ultimo tuffo: Daley è, guarda caso, perfetto, Waterfield no. E il titolo finisce al collo del piccolo Thomas.
Titolo europeo, titolo britannico e qualificazione olimpica: se tre indizi non fanno una prova, poco ci manca. D’altronde, ogni tuffo di Daley è uno storia che si ripete: la salita, la minuziosa pulizia con l’asciugamano che puntualmente getta giù come a dire «aspettami lì che tra poco arrivo anch’io», un breve ripasso dei gesti e dei movimenti da compiere, uno sguardo all’acqua, il tuffo. E poi i-pod e cuffiette alle orecchie per rintanarsi nel proprio mondo e ritrovare la concentrazione giusta per il salto successivo.
Tania Cagnotto, una che di tuffi dalla piattaforma se ne intende, l’aveva già incoronato nel recente passato: «Potenzialmente, è meglio dei cinesi: ha una sensibilità verso acqua e spazio che è davvero rara. È precisissimo e a quell’età se non sei un predestinato non puoi muoverti così». Ieri è arrivata anche l’incoronazione europea. E chissà che Thomas - che dopo il primo tuffo da 10 metri all’età di 8 anni pianse a dirotto per un quarto d’ora - non riesca a sorprendere ancora.