Dall’altopiano di Asiago alle vette dell’Himalaya: i politici fanno la valigia

Lady Moratti andrà in Toscana (ma non rivela dove). Formigoni in giro tra Val d’Aosta e Sardegna

Sembra impossibile immaginarli in costume e infradito. Eppure anche i nostri politici dai gessati grigi e il tailleur blu vanno in vacanza. Smessi i panni degli amministratori, fanno le valigie per godersi un po’ di relax. Dove? C’è chi rivela le mete delle proprie vacanze e chi, invece, preferisce farne mistero. Letizia Moratti la più discreta: andrà in Toscana ma non vuole far sapere se quest’anno sceglierà Forte dei Marmi come la cognata Milly o se preferirà l’Isola d’Elba come l’anno scorso. Due le certezze: le immancabili visite alla Comunità di San Patrignano e al meeting di Rimini. Lì, al congresso organizzato da Comunione e Liberazione, come sempre incontrerà il «collega» Roberto Formigoni. Anche per il presidente della Lombardia, infatti, il meeting è una tappa immancabile di fine estate, ma prima andrà a cercare un po’ di frescura in Val d’Aosta e si concederà qualche giorno di mare in Sardegna.
Nonostante le polemiche, sull’isola di Soru approderanno anche molti altri politici lombardi: in primis l’assessore regionale alla Famiglia e alla solidarietà Gian Carlo Abelli che, dopo una sosta in Costa Azzura, andrà in Sardegna ospite di Silvio Berlusconi. Poi ancora Carlo Masseroli (Fi), Matteo Salvini (Lega), Giulio Gallera (Fi) e Ignazio La Russa (An) che però rivela: «Quest’anno starò lontano dalla mondanità perché ogni volta che i paparazzi mi fotografano ad una festa sembra che nella vita non faccia altro». Niente cene a Porto Cervo dunque, ma «una vacanza tradizionale con la famiglia: un po’ in Liguria dove i bambini stanno con la nonna, poi Villasimius e una breve puntata a Panarea. A fine estate la tradizionale riunione del clan La Russa a Ragalna sull’Etna».
Non tutti hanno scelto di fare le vacanze in Italia, c’è anche chi, come il presidente della Provincia Filippo Penati, evita le spiagge nazionali preferendo un viaggio in Spagna con i figli e una vacanza più rilassante in Costa Azzurra. Non è l’unico a puntare su mete estere, c’è anche chi ha scelto di allontanarsi il più possibile da Milano. La capogruppo dei Ds Marilena Adamo è pronta a partire per l’Australia, «con tutta la famiglia allargata, per coronare il sogno di una vita» e l’assessore alla Protezione civile Massimo Ponzoni ha scelto di andare in Nepal, per dedicarsi alla sua passione per la montagna sulle vette dell’Himalaya. E poi ci sono quelli che non aspettano altro che tornare a casa dai propri cari che vivono lontani. Come l’assessore regionale all’Artigianato e servizi Domenico Zambetti che per iniziare le ferie andrà a Bari da sua madre, o Giovanni De Nicola (An) che ogni anno torna in Calabria, a Palmi, dove è nato e cresciuto. Stessa spiaggia stesso mare per Maurizio Cadeo che insieme alla famiglia torna a Levanto, dove trascorre le vacanze da quando era un bambino.
Infine ci sono gli stakanovisti che anche sotto l’ombrellone non rinunciano al borsone carico di documenti e faldoni. «Porterò con me il pc - ammette Riccardo De Corato che si dividerà tra la sua casa di Asiago e l’Austria - e per rilassarmi ho già comprato un libro su Sarkozy». Non sarà l’unico il vicesindaco, la collega Mariolina Moioli porterà a Santa Maria di Leuca la cartella del lavoro: «Ma l’obiettivo è riposarsi - precisa - tra la spiaggia, la cucina e le passeggiate con gli amici».