Dall’Elba, gioielli in oro che... danno i numeri

da Marina di Campo

Incontriamo Marco Mantovani sulla terrazza del Kon-Tiki il ristorante con splendida vista sulla baia di Marina di Campo, anch’esso parte del piccolo impero Locman. «Per qualche tempo l’ho condotto io - dice il presidente e fondatore della maison elbana - ma poi l’ho dato in gestione a chi era del mestiere ed è stato meglio per me e per il locale». Locman, dopo i successi di Basilea, sta lanciando una nuova linea di gioielli molto particolari che aprono una nuova strategia destinata a lasciare il segno: «Si tratta - continua Mantovani - di anelli, bracciali, girocollo in oro, tutti disegnati a forma di numero. È una novità in cui crediamo molto e che ci sta già dando notevoli soddisfazioni». Le cose a Marina di Campo vanno a gonfie vele: non a caso quello italiano è il marchio orologiero più venduto in assoluto nella prestigiosa catena di negozi americana Neiman Morcus.
A proposito di negozi: da poco è stata aperta un’altra boutique Locman, stavolta a Hong-Kong, nel celebre International Finance Center, vero tempio internazionale del lusso e della griffe, a dimostrazione di un prestigio ormai consolidato a livello mondiale. Vanno bene, come dicevamo, anche i modelli lanciati qualche mese fa all’ultima mostra di Basilea: «È così, i modelli Tender, Crono Panorama, Mare braccialato e Crazy Horse con diamanti, stanno ottenendo un successo più che lusinghiero tanto che ci siamo dovuti impegnare non poco per fronteggiare una richiesta che è andata oltre ogni aspettativa».
Belli, divertenti, originali e tecnicamente ineccepibili, gli orologi Locman sono da anni un oggetto del desiderio per gli appassionati di mezzo mondo, a cui Marco Mantovani sta preparando una grossa sorpresa: «Dovrebbe uscire in autunno e sarà un orologio subacqueo con cassa in acciaio e titanio. È ancora presto per entrare nei dettagli tecnici, ma posso anticipare che sarà prodotto in tiratura limitata a 1000 pezzi e che sarà dedicato a Teseo Tesei, un ufficiale della marina militare nativo dell’isola d’Elba che morì eroicamente durante la seconda guerra mondiale.