Dall’eleganza minimalista al crono che si Transforma

GIRARD-PERREGAUX. Per celebrare il suo 220° compleanno, la Maison ha organizzato una mostra itinerante dei suoi più famosi modelli, alcuni dei quali sono stati presentati in anteprima a Milano. Per l'occasione è stato anche realizzato un orologio in tiratura limitata (50 esemplari numerati) di aspetto molto classico e quasi minimalista, ma elegantissimo e con notevoli contenuti tecnici ispirati al passato. Si tratta del modello 1966, un tourbillon (del peso di soli 0,3 grammi) montato su un ponte d'oro (a forma di freccia, in basso sul quadrante). Cassa (40 mm) in oro e movimento automatico di manifattura con rotore in platino; fondello inciso con scritte commemorative: 131.000 euro.
PARMIGIANI FLEURIER. Una manifattura ancora non molto nota in Italia, ma di grande spessore tecnico e di solide basi e che da poco tempo ha inaugurato la propria filiale nel nostro Paese, a Milano. Un'occasione per presentare anche il cronografo Transforma, progettato in modo da essere utilizzato sia come orologio da polso, sia da tasca, sia, infine, da tavolo. Basta, infatti, agire sulle anse e sganciare l'orologio dal cinturino per mutarne l'impiego. Cassa (43 mm) in acciaio lucido e movimento automatico di manifattura. Quadrante a tre contatori, indici applicati e scala tachimetrica. Disponibile anche in carbonio/titanio in edizione speciale e tiratura limitata: da 24.500 euro.