Dall'Aci una guida per L'Aquila di ieri, di oggi e di domani

L'opera rappresenta solo l'ultima delle tante iniziative dell'Automobile Club d'Italia a sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto. Gli itinerari proposti sono pubblicati anche sul portale governativo Italia.it. Il cofanetto non è in vendita

Un viaggio alla riscoperta dell'Abruzzo in un cofanetto realizzato dall'Aci e dall'Automobile Club di L'Aquila con la collaborazione dei cittadini aquilani. L'opera è composta da un volume con 60 itinerari turistici ideati e scritti da gente del luogo, da una raccolta di racconti cinematografici girati dagli studenti dell'Accademia dell'immagine con il contributo del premio Oscar alla fotografia, Vittorio Storaro, e da una serie di interviste a Guido Bertolaso, al sindaco di L'Aquila, al presidente della Provincia e al capitano della squadra locale di rugby.
È la prima opera multimediale dell'anno zero di L'Aquila dopo il tragico sisma del 6 aprile, il cui valore si racchiude in tre parole: speranza, forza e cuore, che da sole spiegano il significato del lavoro compiuto.
I temi trattati sono: la storia, dalle origini ai giorni nostri; i luoghi della fede; le tradizioni, le feste e le ricorrenze tra sacro e profano; la natura; i personaggi illustri del territorio; lo sport; il cinema; il teatro e la musica.
Gli itinerari proposti sono pubblicati anche sul portale governativo Italia.it. Il cofanetto non è in vendita. Sarà infatti distribuito gratuitamente in Italia alle famiglie associate all'Aci e all'estero attraverso i canali della Federazione internazionale dell'automobile.
L'opera rappresenta solo l'ultima delle tante iniziative dell'Automobile Club d'Italia a sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto. La prima è stata l'attivazione di un punto di servizio nel Motorhome Aci all'interno di Campo di Pile, visitato anche dal capo della Protezione Civile e dal ministro per la Pubblica amministrazione e l'Innovazione, Renato Brunetta. L'Automobile Club d'Italia è stato inoltre il primo ente pubblico a riaprire i propri uffici in sede permanente a L'Aquila dopo il 6 aprile, e tuttora offre il rinnovo gratuito della tessera associativa fino al 31 dicembre per i cittadini dei comuni colpiti dal sisma.