Dalle acciaierie al transatlantico

Barbara Catellani

Vacanze anticipate quest'anno a teatro, che conclude la sua attività entro la prima settimana di luglio: non per il caldo torrido, né per pigrizia, ma per un necessario nonché proficuo periodo di riposo e preparazione alla tournéé in Cina prevista per il prossimo settembre, quando a Shangai debutterà un "genovesissimo" «Barbiere di Siviglia».
E chi già sarà rientrato dalle ferie o chi non spegne la passione della lirica soltanto con i dischi, avrà la possibilità di assistere alla «prova generale» dell'opera in programma il 30 agosto al Carlo Felice.
Ma torniamo ai nostri caldi giorni del luglio imminente per seguire gli appuntamenti di questo breve ma assai gradevole cartellone estivo che vedrà coinvolti l'orchestra e il coro del teatro: programma popolare, aperto al grande pubblico che potrà ascoltare chiudendo gli occhi e abbandonandosi, o lasciando librare la propria fantasia, secondo le parole del maestro Triola.
«Dal cinema ai Beatles», questo il programma dei primi tre concerti previsti per le serate del 2 (ex acciaierie di Cornigliano), del 6 (Piazza Matteotti) e del 7 (Recco, Piazza Nicoloso) e diretti da Giuseppe Grazioli, già noto al pubblico dalla stagione estiva di due anni fa e dal «Candide» in scena a Genova nel novembre 2004; da Nino Rota e la sua musica per «La Strada» felliniana, alla Suite n.1 del violoncellista genovese Stefano Cabrera, arrangiamento per orchestra di brani del celebre e sempre amatissimo gruppo di Liverpool, che già nella scorsa estate aveva riscosso un grande successo di pubblico; e infine alla Suite per orchestra di John Williams dal più che famoso "Star Wars".
Tre serate per tutti, se avranno magari l'accortezza di portarsi una seggiolina…!
Il secondo grande appuntamento sarà al Ponte dei Mille sulla nave Costa Concordia per il «Concerto del cuore», lodevole serata di beneficenza in favore dei bambini dell'ospedale Gaslini, previsto mercoledì 5 luglio alle 19.30. Una serata importante presentata da Pippo Baudo, che avrà come protagonisti Andrea Bocelli e il soprano Patrizia Orciani, in un concerto diretto dal M° Marcello Rota con brani tratti dal repertorio classico - da camera, operistico e da operetta - e da quello della canzone napoletana d'autore, frammisti a pezzi sinfonici.
In grande il Carlo Felice congeda il suo pubblico, fiero dei propri numeri, avendo ottenuto nella trascorsa stagione il 5,78% di spettatori in più rispetto allo scorso anno, nonostante gli imprevisti, i tagli alle produzioni e gli annullamenti delle recite che hanno tenuto a casa gran parte di affezionati, appassionati, oltreché registi e cantanti, naturalmente.
Riposo meritato allora: stanchi, ma felici.