Dalle celle brasiliane Cesare Battisti sforna un nuovo libro

In attesa che il Supremo Tribunal Federal (la Corte costituzionale brasiliana) si pronunci, il 12 novembre prossimo, sulla sua estradizione in Italia (dove lo attende la prigione a vita per 4 omicidi commessi tra il ’78 e il ’79), il terrorista rosso Cesare Battisti continua a far parlare di sé. All’indomani delle accuse lanciate contro il nostro Paese («in carcere in Italia finirei impiccato»), un’altra notizia attraversa l’Atlantico: l’ex leader dei Pac pubblicherà in Brasile il suo secondo libro autobiografico. Secondo quanto riportava ieri il quotidiano Estado de S.Paulo Battisti avrebbe firmato nel carcere di Papuda, a Brasilia, con la casa editrice Martins Fontes il contratto per la pubblicazione del libro - intitolato Ser Bambù (Essere bambù, in portoghese) - entro la fine dell’anno. Si tratterebbe, secondo il quotidiano, del racconto del periodo di clandestinità in Brasile, dal 2004 al 2007.