Dalle fiamme del G8 alla «fiamma» del Fli

Su una cosa ha ragione Giuliano Giuliani, il papà di Carlo: «Tutto è come allora». I tedofori della violenza hanno portato le fiamme appiccate a Genova nel 2001 fino al cuore di Roma, con una staffetta di odio gratuito che, proprio come allora, trova ancora il combustibile ideale nelle dichiarazioni in libertà arrivate dopo le devastazioni. Le prime parole ciclostilate in proprio con la stessa matrice mai cambiata da dieci anni a questa parte sono proprio quelle di Giuliani. Ma «genovese» di adozione è l’unica folle voce che è riuscita anche stavolta a dare la colpa dei saccheggi romani a Silvio Berlusconi. Voce «genovese» perché appartiene a Barbara Contini, di recente mandata da Gianfranco Fini a ricostruire dalle macerie il Fli in Liguria, commissariando un partito (...)