Damasco e Teheran verso alleanza militare

«Damasco e Teheran firmeranno a breve un accordo di cooperazione militare di mutua difesa». Lo ha affermato ieri il leader druso Walid Jumblatt in un’intervista rilasciata al quotidiano libanese al-Mustaqbal, spiegando che la «consacrazione dell’asse strategico siro-iraniano avverrà nel corso della visita del presidente iraniano Ahmadinejad a Damasco alla fine di gennaio». Secondo Jumblatt, con questo accordo le autorità siriane cercherebbero di rafforzare la loro presenza in Libano grazie al sostegno degli Hezbollah sciiti, principali alleati dell’Iran. Per il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad, invece, l’alleanza con la Siria servirebbe da ulteriore deterrente nel confronto politico e diplomatico con le potenze occidentali sulla questione dell’arsenale nucleare di Teheran. Fonti siriane hanno confermato che Ahmadinejad entro fine gennaio sarà a Damasco proprio per rinsaldare le posizioni di fronte alle pressioni internazionali cui sono sottoposti i due Paesi. E in Siria, per incontrare Bashar al-Assad, arriverà anche l’ex presidente della Repubblica islamica Hashemi Rafsanjani «per consolidare - dicono fonti diplomatiche a Teheran - le basi della collaborazione tra i due Paesi al servizio della comunità islamica».