Damerini con Amadeus apre l’estate di Casa Paganini

Caro Amadeus, plurifesteggiato e vezzeggiato, siamo così arrivati a questa calda (mica poi così tanto) estate genovese, che non ti darà tregua - in bene, s'intende - nemmeno nei mesi vacanzieri; un'estate che diventerà degna di un rispettabile anno mozartiano. Casa Paganini apre le porte a chi tra una tintarella e l'altra non vuole rinunciare al piacere di ascoltare ottima musica, e dà il via mercoledì sera al cartellone estivo del «Progetto Mozart», organizzato dal Centro Ricerche Scienze Umane, curato da Roberto Iovino e finanziato dalla Fondazione Carige.
E la serata inaugurale, questa sì, calda, avrà come ospite il nostro - e vantiamocene - celeberrimo pianista Massimiliano Damerini, il «dominatore assoluto della tastiera e del suono», secondo critiche più che autorevoli, che regalerà al pubblico insieme al baritono Claudio Ottino, un concerto dedicato al genio di Salisburgo. Un'occasione imperdibile, in cui fra l'altro l'assessore alla cultura della Regione Fabio Morchio consegnerà ai due artisti il «Premio alla cultura» quale riconoscimento per la loro carriera.
Un tripudio di «ini», a voler giocare con i nomi dei protagonisti, senza contare che simile riconoscimento hanno già ricevuto gli attori Lisa Galantini e Andrea Nicolini; ma per un cartellone che non ha davvero nulla di «diminutivo».