La Dandini kamikaze sfida il Gieffe

Da domani per 5 prime serate «Parla con me» con il ritorno di Neri Marcorè ospite fisso

da Roma

Parla con me contro Grande fratello. Chissà cosa ha spinto la banda di comici capitanata da Serena Dandini a scontrarsi per cinque giovedì consecutivi contro la corazzata di Canale 5: «La voglia di sperimentare - dice la Dandini -. Rispetto a loro noi siamo avvantaggiati perché non abbiamo paura di perdere la battaglia degli ascolti. E poi non è detto che il nostro programma sia meno intelligente e meno popolare del Grande fratello. Hai visto mai che il pubblico alla fine premi noi?». Tanto che se Parla con me, andato in onda sempre di domenica in seconda serata, facesse il pieno di ascolti, potrebbe restare in pianta stabile il giovedì fino a fine stagione. Altrimenti, tornerebbe alla sua collocazione naturale.
Al fianco di Serena Dandini ci saranno Dario Vergassola con le sue interviste impertinenti, Ascanio Celestini con le sue inchieste da fermo, le citofonate di Andrea Rivera, la Banda Osiris. E anche il ritorno come ospite fisso di Neri Marcorè, che porterà in studio i personaggi che gli riesce meglio imitare: Pierferdinando Casini, Piero Fassino e la new entry, il rocker Luciano Ligabue. Ad inaugurare il divano rosso delle interviste a cuore aperto della Dandini, nella prima puntata ci saranno invece l'archeologo Andrea Carandini, il regista Gabriele Muccino e il comico Antonio Albanese: «La struttura, come il budget ridotto all'osso, è abbastanza simile a quella della passata edizione, non vogliamo farci trasformare dal complesso della prima serata», dice la Dandini, mettendo le mani avanti. Tutto uguale o quasi, dunque. Stessa squadra di autori compresi, perché formazione che vince non si cambia. Tra le novità, una serie di filmati inviati dai telespettatori sul sito parlaconme@rai.it, commentati in studio dai kamikaze che hanno deciso di sfidare il Grande fratello.