Daniele Finzi Pasca, dalla pista all’Olimpo

Il teatro e il circo non hanno confini, anzi nascono per farsi beffe di essi. Questa è perlomeno la filosofia artistica di Daniele Finzi Pasca - autore, regista, ex clown - nato in una famiglia di fotografi, fondatore nel 1983 del luganese Teatro Sunil. Nel 2001 insieme a Julie Hamelin e Jeannot Painchaud lavora al progetto del canadese Cirque Eloize: «Nomade» e «Rain» sono i primi due capitoli di una trilogia che oggi si completa con «Nebbia. A Magical Fog». Nel 2005 Finzi Pasca scrive e dirige per il prestigioso Cirque du Soleil lo show «Corteo», una delle più grandi produzioni circensi mai portate in tournée. Ha realizzato e diretto la cerimonia di chiusura delle Olimpiadi Invernali di Torino 2006. «Il circo - spiega - è una commistione di culture, è intreccio di lingue diverse, punto d'incontro di uomini e donne che vengono da luoghi lontani e che per comunicare subito e facilmente, sceglie la gestutalità, l'uso del corpo».