Danni per miliardi E ora c’è Lancelot

Kyrill è passato. Dopo aver devastato per giorni l'Europa centrale e orientale, il ciclone sembra aver esaurito la sua forza. E si iniziano a tracciare i bilanci: i morti sono decine, almeno 46, l’ultimo ieri a Essen, un uomo di 32 anni schiacciato da un albero. I danni complessivi, secondo le stime degli assicuratori e del Wwf, potrebbero essere superiori ai 2 miliardi di euro. In Germania i danni ammonterebbero a circa un miliardo di euro. Per l’Inghilterra si parla di «centinaia di milioni di sterline» (che molti media interpretano come 1 miliardo, pari a 1,5 miliardi di euro). Il costo previsto in Olanda è di 200 milioni, in Belgio di 100, in Austria di 20. Ma, a quattro giorni dal passaggio dell’uragano, la Germania ora attende l’arrivo di Lancelot, un fronte freddo proveniente da nord che porterà nei prossimi giorni neve e ghiaccio, riducendo le temperature ai valori minimali per questo periodo dell’anno.