Danni al turismo per milioni di euro

Se le cancellazioni e i ritiri delle prenotazioni dovessero protrarsi nel tempo, proseguendo nelle prossime settimane, il danno economico agli operatori del turismo potrebbe raggiungere livelli molto alti. Gli addetti ai lavori parlano infatti di «svariati milioni di euro di perdita per i tour operator italiani». «E se gli attentati a Londra non hanno provocato ingenti danni sui bilanci del settore - dichiarano gli operatori -, nel caso di Sharm le ripercussioni rischiano di essere molto più gravi». Sono infatti circa 800mila gli italiani che ogni anno scelgono l’Egitto per una vacanza. E anche per il turismo organizzato la località colpita dagli attentati costituisce non meno del 30 per cento del business annuale, percentuale che per alcune agenzie sale addirittura al 50 per cento. E tra gli operatori c’è chi prevede danni all’intero settore anche maggiori di quelli riscontrati dopo l’11 settembre 2001 nel turismo verso l’America.