Dante porta «Valle Christi» in paradiso

Stefania Antonetti

Parte in un lungo «viaggio» di poesia e musica la quarta edizione del «Festival di Valle Christi» a Rapallo. Grandi interpreti del teatro classico e contemporaneo proporranno dal 14 luglio all'11 agosto, un programma fitto di appuntamenti. Si inizia venerdì 14 luglio (21.30) con Alessandro Preziosi che torna a una forma più raccolta di teatro con il recital «Fernando Pessoa. Il re degli interstizi», accompagnato da una piccola band musicale. Domenica 23 luglio (21.30) Ugo Dighero, attore genovese porta in scena un monologo dall'incontrastata verve comica «C'era una volta un re... ma morì».
Di stampo più «salottiero» è lo spettacolo proposto e presentato da Catherine Spaak. L'attrice giovedì 27 luglio (21.30) legge, recita, racconta e canta, accompagnata da Matteo Cremolini, la vita di Edith Piaf. «Emozioni e inquietudini di un sublime viaggio» con versi di Dante Alighieri e Francesco Petrarca è il recital proposto da Ugo Pagliai il 31 luglio alle 21.30. L'attore sarà accompagnato da pianoforte e violoncello. Nella serata del 2 agosto la musica diventa protagonista di un appuntamento tutto dedicato al «Tango» con Daniel Binelli e Hyperion Ensemble in «Orquestango». Un'altra grande interprete per Villa Christi: Monica Guerritore calcherà la scena con «Lectura Dantis», uno spettacolo dedicato a Dante Alighieri; l'appuntamento è per il 6 agosto alle 21.30.
Venerdì 11 agosto la Kipa Produzioni presenta «Cabaret Olimpico. Tragici per caso», una rilettura del mito classico di Agamennone, in chiave moderna e «tragi-comica». L'incasso della serata sarà poi devoluto alla Fondazione Onlus «Aiutare i bambini». Data e luogo da definire invece per lo spettacolo «Al chiaro di luna» che chiude la rassegna. Promotori dell'iniziativa sono l'associazione culturale «Valle Christi», il comune di Rapallo e la Regione Liguria in collaborazione con la Fondazione Carige e con il patrocinio di alcuni enti locali. «Per il secondo anno verifico l'alta qualità del festival - spiega Gustavo Gamalero, consigliere della Fondazione Carige - e l'importanza di questa iniziativa culturale che spero diventi un appuntamento fisso per Rapallo».