La danza di «Exister», l’arte silenziosa di dare voce al corpo

Dare voce alla danza contemporanea, riportare a Milano gli artisti dell’ultima generazione, i coreografi più innovativi, le creazioni più recenti. È questo l’intento di Exister 08. Danzare nel silenzio, rassegna di danza contemporanea, che, dal 15 gennaio al 28 aprile, porterà sulla scena un modo alternativo di vivere l'arte, mescolando pubblici e stili differenti.
«Danzare nel silenzio non vuol dire danzare senza musica - spiegano Annamaria Onetti e Mario Nuzzo, ideatori del progetto, realizzato in collaborazione con l’assessorato comunale alla Cultura e al tempo libero - ma piuttosto rappresentare una situazione: quella dei teatri milanesi, che con difficoltà si aprono ai nuovi generi, e quella degli artisti, vittime di una programmazione sporadica e discontinua». In programma un denso calendario di eventi, frutto del lavoro di artisti emergenti del panorama italiano e internazionale, che alternerà spazi importanti e convenzionali come il Piccolo, a sale espositive poco note e inconsuete come Assab One, «un’ex-fabbrica dismessa». E dal palcoscenico del Piccolo prenderà il via la stagione 2008, con lo spettacolo Stupid man, in scena martedì 15 gennaio alle 21: un lavoro di improvvisazione carico di emozioni e di fisicità, diretto dall’artista Nigel Charnock. La stagione proseguirà sabato 2 febbraio al Teatro dell’Elfo con una rappresentazione del vivere quotidiano dal titolo Approcher la pussière, del gruppo svizzero Alias, mentre l’11 febbraio al Teatro Guanella sarà la volta della coreografia Corpi, esplorazione del corpo umano e della sua vulnerabilità. In programma, anche luoghi «desueti» per la danza: dalla Fabbrica del Vapore, che il 15 marzo farà da sfondo alla performance multimediale Intervita, alla sala Assab One che il 6 aprile ospiterà la giovane compagnia Schuko, fino alla storica e affascinante Palazzina Liberty, teatro dello spettacolo Carne del coreografo colombiano Puerta Lopez. Per informazioni: tel. 334/9985224, www.exister.it.