Danze, tuffi, feriti: è arrivato il 2007

Il 2006 è finito col botto. Ammontano a una ventina le persone rimaste vittime dei petardi, circa 60 invece gli incidenti stradali, di cui due mortali, avvenuti in città e dintorni nella notte di San Silvestro. Ciononostante si è trattato di un capodanno sereno. Il clima mite ha spinto migliaia di romani a festeggiare in strada, partecipando alle iniziative messe in atto dal Comune: dal concerto filobrasiliano di Fiorella Mannoia, andato in scena agli ex mercati generali, alla «Notte della Taranta», fino al techno party «Amore 07» che si è svolto alla Fiera di Roma fino a mattina inoltrata. C’è poi chi ha voluto salutare il 2007 alla vecchia maniera: al boato del cannone del Gianicolo, sette coraggiosi si sono tuffati nel Tevere raccogliendo così l’eredità dell’indimenticabile «Mister Ok». Ha suscitato clamore, invece, la notizia del bambino romeno venuto alla luce al Sant’Eugenio che si è aggiudicato nella capitale il record di primo nato dell’anno, un segno dei tempi. Alla madre, una giovane di 26 anni, è andato il saluto del sindaco.