Dare addosso agli adoratori di Jagger per evitare noiosi catechismi laici

Ecco i libri che la redazione cultura del Giornale ha letto per voi e che vi segnala, divisi per categorie serie e semiserie.
DA NON PERDERE
Tutta colpa di Mick Jagger di Cyril Montana (excelsior 1881, pagg. 184, euro 12,50). Un libro folle e stralunato su come venire a patti con i propri genitori ex sessantottini «rimasti sotto» con lo yoga, la vita libera e la psichedelia. Una frase a caso sulla mamma: «Mi aveva anche chiesto se continuavo a mangiare prosciutto e non mi faceva senso mangiare l’anima del maiale... Dopo due o tre ore passate assieme, stavo già andando in paranoia».
SE VI FOSSE SFUGGITO
Il tramonto dell’Occidente di Oswald Spengler (Longanesi, pagg. 1514, euro 50). Un librone gigantesco che dagli anni Venti ha cambiato il modo di pensare degli europei. Tutti ne parlano, pochi l’hanno davvero letto. Ora torna in libreria. I coraggiosi hanno la loro occasione.
DA OMBRELLONE
Presto ti sveglierai di Francesco Costa (Salani, pagg. 222, euro 13). Una Napoli delittuosamente surreale dove dalla televisione giungono strane voci che ci invitano all’omicidio. Una «commedia» con grandi punte di amarezza spiritosa come una canzone di Carosone».
DA TASCA
Due delitti celebri di Alexandre Dumas (Edizioni Spartaco, pagg. 192, euro 13,50). Giovanna di Napoli e Nisida sono due dei diciotto crimes célèbres che Alexander Dumas pubblicò tra il 1839 e il 1840. Fatti veri che il grande narratore arricchì di pathos e violenza per compiacere i lettori francesi. Due racconti di ambientazione napoletana perfetti per taschini ottocenteschi e borghesi.
DA CESTINO
Catechismo anticlericale per credenti e laici di Aldo Colonna (Castelvecchi, pagg. 222, euro 16). Ai laici una volta non piaceva avere catechismi di nessun tipo, quanto ai credenti be’... Se poi il catechismo è un elencazione di mali della Chiesa, quanto mai banale, forse è meglio tornare al vecchio Voltaire.