Dati alle fiamme negozi che vendevano cd e dvd

Kabul. I talebani hanno dato libero sfogo al loro estremismo incendiando o danneggiando una ventina di negozi della cittadina di Alisher, nell'est dell'Afghanistan, che vendevano cd con canzoni, dvd e materiale islamico promosso dalle Nazioni Unite. Stando a quanto ha riferito una fonte ufficiale locale, i fondamentalisti hanno anche distribuito volantini in cui minacciano i commercianti di «punizioni ancora più dure» se riprenderanno la vendita di questo materiale. Nonostante la crudeltà dei talebani, oggi ci sono ancora afghani i quali ritengono che si viva meglio e più al sicuro con gli integralisti. Questo parere è emerso da uno studio condotto da un istituto britannico, i cui ricercatori hanno interrogato gli abitanti di Musa Qala, caduta lo scorso febbraio nelle mani dei fondamentalisti. Fra i principali «vantaggi», il crollo della criminalità comune e soprattutto la possibilità di coltivare liberamente l'oppio. «Nella mia vita ho avuto solo due periodi in cui mi sentivo sicuro: il primo - ha affermato un negoziante - è stato all'inizio del governo Karzai e il secondo è adesso, da quando i talebani controllano il distretto. Sono scomparsi ladri e rapitori, viviamo in sicurezza e siamo tutti soddisfatti».