Dati Auditel Santoro censura Vespa e non lo fa intervenire ad «Annozero»

Cambia l’arbitro sul ring, ma tra i due pesi massimi dell’informazione in Rai è sempre scazzottata continua. Già, perché - giusto per dare il benvenuto al nuovo direttore generale di viale Mazzini Lorenza Lei - ieri sera Michele Santoro e Bruno Vespa hanno di nuovo incrociato i guantoni della vis polemica. Anche se stavolta il round non ha avuto spettatori, perché avvenuto dietro le quinte. Palcoscenico è l’arena di «Annozero», dove Santoro contesta l’analisi dei dati Auditel del «Giornale» e di «Libero»: «I rapporti sono questi: “Annozero” 80mila, “Report” 40mila, “Ballarò” 38mila e “Porta a porta” diamogli 8mila, sennò si deprimono». Lungi dal deprimersi, ma non per questo disposto a farsi denigrare in diretta, Bruno Vespa ha telefonato in studio per rettificare «i dati fortemente inesatti relativi ai frequentatori del sito di “Porta a porta”». Per tutta risposta - racconta Vespa alle agenzie - Santoro il censore avrebbe rifiutato di concedere spazio all’intervento del collega: «Ci è stato offerto di dare una notizia e non ci è sembrata una risposta garbata - ha detto ancora Vespa -. Risponderemo nella trasmissione di Porta a Porta di lunedì prossimo».