Dati perduti

La perdita delle informazioni aziendali è più pericolosa dei disastri
naturali, dell’errore umano, del crash dei sistemi. Ma se succede,
talvolta si può ancora rimediare

Le aziende di tutto il mondo conoscono bene il valore dei dati, tanto che la loro perdita è considerata il rischio singolo più insidioso per le attività economiche. Così oltre il 70% delle imprese intervistate da una ricerca internazionale dichiara di aver moltiplicato gli sforzi e gli investimenti in sistemi di business continuity, per salvare dati e faccia: per il 43% del campione infatti il danno alla reputazione è il rischio peggiore se le cose dovessero mettersi male.

Per quanto ci si protegga, l’incidente però è sempre in agguato, e riguarda tutti, piccoli e grandi. Così, se per colmo di sfortuna e nonostante le precauzioni un pc importante dovesse subire un gravissimo danno al disco, per un migliaio di euro c’è chi proverà a recuperare qualcosa.

Link: 

Per un’azienda su tre l’incubo peggiore è la perdita dei dati

Dal panico al miracolo: cronaca di un recupero

Io speriamo che me la cavo