DAVANTI ALLA CORTE COSTITUZIONALE

Il consiglio dei ministri ha deciso di impugnare davanti alla Corte Costituzionale due leggi regionali della Liguria. Quella sulla «Disciplina per l’esercizio delle attività produttive e riordino dello sportello unico» perché contiene disposizioni in materia autorizzazione all’installazione di alcuni impianti alimentati da fonti rinnovabili che contrastano con la normativa statale in materia di produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell’energia. E quella del 5 aprile 2012 «Modifiche alla legge regionale 2008, n. 16 (Disciplina dell’attività edilizia), alla legge regionale 1995, n. 25 (Disposizioni in materia di determinazione del contributo di concessione edilizia), alla legge regionale 1997, n.36 (Legge urbanistica regionale), alla legge regionale 2009, n. 49 (Misure urgenti per il rilancio dell’attività edilizia e per la riqualificazione del patrimonio urbanistico-edilizio) e ulteriori disposizioni in attuazione dell’articolo 5 del decreto-legge 2011, n. 70 (Semestre europeo - prime disposizioni urgenti per l’economia) convertito, con modificazioni, dalla legge 12 luglio 2011, n. 106».