De André fa lo sconto ai tifosi

(...) gli organizzatori (dal «capo» Borzani, a Pietro Da Passano, a tutte le eccellenti collaboratrici) stanno lavorando molto bene sul piano della promozione e dell’immagine.
Ma, visto che la mostra è sotto gli occhi di tutti e visto che Fabrizio è stato anche un tifosissimo del Genoa (abbiamo scoperto noi i «quaderni» rossoblù di Faber, portandoli all’attenzione degli sportivi di tutta Italia) proprio i tifosi, soprattutto genoani, seguono con la massima attenzione l’evolversi della mostra e del suo successo. E seguono il tutto anche i tifosi blucerchiati che amano, al di là della passione di parte del cantautore, il suo straordinario percorso musicale.
Ebbene, proprio uno di questi tifosi blucerchiati (si sa, a Genova, la sensibilità e la rivalità sportive sono temi scottanti nel confronto fra le due nostre realtà calcistiche) ha scoperto una «stranezza». Sentite bene: nel calendario della Mostra sta scritto: «Ingresso scontato a 5 euro per gli abbonati del Genoa». E subito dopo: «Ingresso scontato a 6 euro per i possessori di tessera Erg», Erg è lo sponsor della Sampdoria. Ma come, è stata la reazione, ai genoani 5 euro e ai sampdoriani legati all’Erg 6 euro?
Cosa è mai questa disparità? D’accordo che Faber era un genoano, ma da vero sportivo aveva annotato, nei suoi quaderni, anche molte cose sui blucerchiati. E allora? Non è che gli organizzatori siano finiti su «Una cattiva strada»? Quella così ben descritta da Faber? O che «La ballata dell’amore cieco» (per il Genoa) abbia portato a questa... sfasatura?
Al di là, comunque di queste battute e di queste annotazioni scherzose, i tifosi blucerchiati, per amore di Faber, potranno anche pagare un euro in più. Cosa volete che sia al giorno d’oggi? Con un euro non si compra nemmeno un litro di benzina Erg...