De André sempre vivo per i fan

La Premiata Forneria Marconi rende omaggio a Fabrizio De André in occasione del suo sessantasettesimo compleanno e a otto anni dalla scomparsa. Riproponendo le canzoni della tournèe del 1979, durante la quale il cantautore e la band si esibirono insieme. Un'esperienza indimenticabile, che segnò il momento della svolta artistica per chi ne fu protagonista.
Il concerto di questa sera, non a casa intitolato Buon compleanno Faber, ha luogo al PalaSharp (ex MazdaPalace) con la partecipazione di Max Gazzé, Luca Barbarossa, Dolcenera, i New Trolls, Le Balentes e Sara. A breve sarà pronta la riedizione del live De André e PFM in concerto, uscito in due dischi sempre nel '79.
«Quando decidemmo di partire per la tournèe, De André aveva smesso di suonare da qualche tempo, perché non aveva più stimoli musicali - racconta Patrick Djivas, bassista della PFM -. Mentre ci esibivamo non si rendeva bene conto di quello che stava avvenendo sul palco. Durante il concerto chi suona sente soltanto il proprio strumento e per lui, abituato com'era a basarsi esclusivamente sulla sua voce e sulla chitarra, era come se non ci fossero né la batteria né le tastiere. Quando gli facemmo sentire i nastri delle registrazioni, rimase esterrefatto. Fu come l'accendersi di una lampadina, tanto che riprese a comporre, iniziando una continua evoluzione dal punto di vista musicale, oltre che dei testi».
Un'arte ribelle, quella di De André, che - osserva Franco Mussida, chitarrista della band - «esprimeva il disagio, ma come filtrandolo da una prospettiva più alta. Un filtro culturale per impedire che la musica diventasse altro da quello che è, pura cronaca o incitazione alla violenza, come quella di certe rockstar di oltreoceano».
«Anche se - conclude - vedendo gli incidenti fuori dallo stadio di Catania, mi è venuto in mente quello che spesso capitava anche ai nostri concerti. Come una volta a Cagliari, dove un brigadiere, che cercava di fermare la folla rimasta fuori, si prese un sampietrino in testa. Ora ai concerti può andare chiunque senza rischiare l'incolumità, e sono convinto che un giorno anche negli stadi sarà così».
Buon compleanno Faber
con la PFM e ospiti, PalaSharp (ex PalaMazda), ore 21, info 02-36505840, ingresso 40 e 25 euro