«De Bortoli candidato? Subito le primarie»

«Se il candidato sarà De Bortoli, chiederemo le primarie». Augusto Rocchi, segretario provinciale di Rifondazione, dà l’altolà all’idea di un candidato moderato. Un’opposizione che spiega perché l’Unione sia arrivata alla Festa dell’Unità, al via domani, senza un candidato sindaco. «Non ho una pregiudiziale personale, però De Bortoli non può essere il mio candidato, né di Rifondazione e neanche della sinistra. In quel caso proporrò a Verdi, Comunisti italiani, pezzi di società civile, di trovare un candidato alternativo». E tra i nomi c’è l’avvocato di Rifondazione, Giuliano Pisapia. Anche tra i Ds c’è chi non disdegna un’ipotesi politica. «Non sono più i tempi di Tangentopoli in cui tutto è meglio tranne che un politico. Lo dimostra Penati» sostiene Emanuele Fiano. Un’idea condivisa da Raimondo Elli, presidente della direzione cittadina dei Ds: «Bisogna uscire dalla logica per cui i politici sono figli di un dio minore». Intanto i Ds invitano Albertini alla Festa con un attacco: «Immotivata e irragionevole la denuncia contro Penati alla Corte dei Conti».