De Gennaro vuole più soldi per i rifiuti

da Napoli

Batte cassa il Commissario straordinario per l’emergenza rifiuti in Campania, Gianni De Gennaro: «Ho bisogno di soldi». «Dispongo di 20 milioni di euro, che sono una cifra iniziale, che sarà incrementata a seconda delle necessità, ma i costi sono notevoli», ha spiegato alla Commissione di inchiesta sul ciclo dei rifiuti. «Si pensi che, il sito di stoccaggio provvisorio di Ferrandelle, costa 25 milioni». De Gennaro, citando l’aiuto offerto da altre regioni, ha precisato che quei contributi non sono «la soluzione». Ed ha snocciolato qualche cifra: finora sono state esportate in altre regioni 11.103 tonnellate di rifiuti, il 10% del totale smaltito. Le 6mila tonnellate trasportate in Sardegna, corrispondono a un quantitativo inferiore alla produzione quotidiana di rifiuti in Campania, che è di 7.200 tonnellate. Il Commissario pensa a soluzioni estere. «Sono in contatto con l’ambasciatore a Berlino».
Intanto la Campania è in subbuglio. Ieri, scontri a Marigliano (Napoli), dove è in cantiere la riapertura di una discarica: manganellate e feriti. Proteste e cortei anche nel Beneventano e nell’Avellinese.